DAILY NEWS

15/12/2018

Il paradiso a Marrakech.
Entro.
Sembra un negozino della Médina come tanti altri, e comincio a parlare col proprietario.
Occhi liquidi, neri, e sorriso marocchino che è speciale, e sempre un po' velato di leggera presa in giro.
Ironia sotterranea.
Io chiedo, domando e lui mi apre la porta del paradiso.
Una piccola stanzina dove, dal pavimento al soffitto, su tutte le pareti, ci sono milioni di matassine di seta lucida e croccante con cui si possono fare le famose passamanerie marocchine.
Un paradiso perché mi spiega che si possono fare infinite combinazioni di colori e poi lui le realizza su misura.
Ovvero la meraviglia del creato.
E così stanotte i miei sogni sono stati popolati di infinite nuances di colori che poi sono la mia magnifica ossessione, e stamattina correrò li, e come dentro un caleidoscopio creerò i mix più eccentrici che posso, in sfida assoluta con me stessa.
Certo, vorrei essere più cool e distaccata ed invece sono qui che non vedo l'ora di arrivare al negozino nella Médina, per chiudermi quella porticina alle spalle e cominciare a mescolare colori e bellezza.
(Posso dire? L'unica nota stonata quel giallo decisamente bruttino che rovina l'armonia, ma ci sta, anche il paradiso non può essere perfetto...)



Il paradiso a Marrakech.
Entro.
Sembra un negozino della Médina come tanti altri, e comincio a parlare col proprietario.
Occhi liquidi, neri, e sorriso marocchino che è speciale, e sempre un po' velato di leggera presa in giro.
Ironia sotterranea.
Io chiedo, domando e lui mi apre la porta del paradiso.
Una piccola stanzina dove, dal pavimento al soffitto, su tutte le pareti, ci sono milioni di matassine di seta lucida e croccante con cui si possono fare le famose passamanerie marocchine.
Un paradiso perché mi spiega che si possono fare infinite combinazioni di colori e poi lui le realizza su misura.
Ovvero la meraviglia del creato.
E così stanotte i miei sogni sono stati popolati di infinite nuances di colori che poi sono la mia magnifica ossessione, e stamattina correrò li, e come dentro un caleidoscopio creerò i mix più eccentrici che posso, in sfida assoluta con me stessa.
Certo, vorrei essere più cool e distaccata ed invece sono qui che non vedo l'ora di arrivare al negozino nella Médina, per chiudermi quella porticina alle spalle e cominciare a mescolare colori e bellezza.
(Posso dire? L'unica nota stonata quel giallo decisamente bruttino che rovina l'armonia, ma ci sta, anche il paradiso non può essere perfetto...)



PHILOSOPHYvideosGALLERYDAILYNEWScontacts DIVINE SHOPAtelieREvents

© DIVINE ROSE SRL 2007-2018Policy Privacy
P.IVA 01175420254 CREDITS

© DIVINE ROSE SRL 2007-2018Policy Privacy P.IVA 01175420254 CREDITS