DAILY NEWS

18/12/2016

Un albergo può essere molto più di una casa.
Può essere il luogo dove i desideri si realizzano e dove i pensieri gentili di chi si occupa di te, anche se solo per una notte, diventano cibo per l'anima.
Può diventare un posto per le cose straordinarie perchè un albergo e'il luogo non luogo per eccellenza, crocevia di vite, storie e stratificazioni di momenti indimenticabili.
Ieri sera è stato così.
Sono stata invitata alla consueta ed attesissima Festa di Natale del Metropole hotel, in una Venezia irreale sepolta sotto una nebbia bianca di panna.
Una festa che da anni, Gloria Beggiato, anima eccentrica e proprietaria dell'albergo organizzava con Marta Marzotto a favore della Fondazione Ricerca per la Fibrosi Cistica.
Ogni Dicembre una raccolta di fondi imponente grazie alla generosità e all'impegno di entrambe.
Questo Natale la Contessa fisicamente non c'era ma il suo spirito ed il suo impegno aleggiavano forti nell'aria, in una festa straordinaria, emozionante, quasi una rappresentazione teatrale, grazie alla generosità che ogni volta mi stupisce, quella di chi con grazia ed eccentricità mette a disposizione per una notte il suo albergo intero, le sue sale, il suo ristorante e le sue camere.
E così, per una sera, tutto diventa pura esperienza sensoriale, dove le donne con in testa piume e decori, il cibo stellare, l'eccentricità magica, l'ospitalità generosa, sono il contorno perfetto per l'importante obiettivo.
E così ieri sera ho vissuto una doppia felicità...
La prima, più frivola è stata quella di potermi vestire in un modo che mi è molto affine, tra diademi e sete indiane rosa, nel ricordo dei tempi passati veneziani dove l'eleganza passava attraverso strati di eccentricità assoluta, sentendomi per una notte una piccola Marchesa Casati...
La seconda,ben più importante è quella di aver toccato con mano ancora una volta che esiste la solidarietà e la generosità senza fine in alcune speciali persone, che senza riserve, mettono a disposizione tutto quello che hanno a favore di una causa in cui credono e che, cosa ancora più speciale, lo fanno in una forma leggera, lieve, autoironica e generosamente eccentrica.
Grazie Gloria, sono onorata di aver passato una serata che non dimenticherò nel tuo albergo meraviglioso e grata di aver dormito in un luogo che per me ha un significato speciale, la Divina Suite di Marta Marzotto.
(Nella foto, io, il mio diadema di diamanti finti e il sari rosa che mi ha avvolto tutta la sera)



Un albergo può essere molto più di una casa.
Può essere il luogo dove i desideri si realizzano e dove i pensieri gentili di chi si occupa di te, anche se solo per una notte, diventano cibo per l'anima.
Può diventare un posto per le cose straordinarie perchè un albergo e'il luogo non luogo per eccellenza, crocevia di vite, storie e stratificazioni di momenti indimenticabili.
Ieri sera è stato così.
Sono stata invitata alla consueta ed attesissima Festa di Natale del Metropole hotel, in una Venezia irreale sepolta sotto una nebbia bianca di panna.
Una festa che da anni, Gloria Beggiato, anima eccentrica e proprietaria dell'albergo organizzava con Marta Marzotto a favore della Fondazione Ricerca per la Fibrosi Cistica.
Ogni Dicembre una raccolta di fondi imponente grazie alla generosità e all'impegno di entrambe.
Questo Natale la Contessa fisicamente non c'era ma il suo spirito ed il suo impegno aleggiavano forti nell'aria, in una festa straordinaria, emozionante, quasi una rappresentazione teatrale, grazie alla generosità che ogni volta mi stupisce, quella di chi con grazia ed eccentricità mette a disposizione per una notte il suo albergo intero, le sue sale, il suo ristorante e le sue camere.
E così, per una sera, tutto diventa pura esperienza sensoriale, dove le donne con in testa piume e decori, il cibo stellare, l'eccentricità magica, l'ospitalità generosa, sono il contorno perfetto per l'importante obiettivo.
E così ieri sera ho vissuto una doppia felicità...
La prima, più frivola è stata quella di potermi vestire in un modo che mi è molto affine, tra diademi e sete indiane rosa, nel ricordo dei tempi passati veneziani dove l'eleganza passava attraverso strati di eccentricità assoluta, sentendomi per una notte una piccola Marchesa Casati...
La seconda,ben più importante è quella di aver toccato con mano ancora una volta che esiste la solidarietà e la generosità senza fine in alcune speciali persone, che senza riserve, mettono a disposizione tutto quello che hanno a favore di una causa in cui credono e che, cosa ancora più speciale, lo fanno in una forma leggera, lieve, autoironica e generosamente eccentrica.
Grazie Gloria, sono onorata di aver passato una serata che non dimenticherò nel tuo albergo meraviglioso e grata di aver dormito in un luogo che per me ha un significato speciale, la Divina Suite di Marta Marzotto.
(Nella foto, io, il mio diadema di diamanti finti e il sari rosa che mi ha avvolto tutta la sera)



PHILOSOPHYvideosGALLERYDAILYNEWScontacts DIVINE SHOPAtelieREvents

© DIVINE ROSE SRL 2007-2018Policy Privacy
P.IVA 01175420254 CREDITS

© DIVINE ROSE SRL 2007-2018Policy Privacy P.IVA 01175420254 CREDITS