DAILY NEWS

04/01/2017

Day 4 Tangeri (delle righe divinamente onnipresenti)

Ho camminato sola e felice nella Medina alla ricerca del tessuto perfetto.
Non è facile però trovarli dei tessuti belli qui in Marocco..
Se ti serve un lavandino di metallo ovale intarsiato a mano oppure una ciotola da insalata dipinta o ancora acqua di rose o olio di argan non hai che voltare lo sguardo e scegliere.
Ma trovare tessuti belli è assai più complicato.
Sopratutto se come me, li vuoi trasformare in divini cappottini, abiti, pijama pant.
Qui ci sono lane pesanti e rigate da freddi del deserto, ma ruvide e troppi maschili, oppure leggere stoffe tessute a telaio a mano ma con colori fin troppo sgargianti.
Però la cosa straordinaria è che sono quasi tutti a righe.
Righe leggere e sottili, da materasso, sfumate e colorate, a bastoncino o larghe come autostrade, ruvide e grezze o leggere e lucide.
Ma sempre righe.
Ed io volo.
Volo tra le righe, passione delle passioni.
Difficilissimo usarle ma bellissimo vederle.
E bellissimo è comprare una piccola mano di Fatima fuori dalla Medersa, parlare 2 ore di seguito col venditore di tessuti che me li mostra uno ad uno, con la delicatezza di chi li ama davvero, mangiare mandarini per strada, guardare dentro le moschee senza entrare perché sei donna e non musulmana, e camminare col sorriso interno che si allarga passo dopo passo traboccando dagli occhi.

(E poi però io alla fine i divini tessuti a righe li ho trovati e comprati...mai sia, che torno da un viaggio senza i tessuti perfetti per almeno una nuova R&R Limited Edition...)
-continua-



Day 4 Tangeri (delle righe divinamente onnipresenti)

Ho camminato sola e felice nella Medina alla ricerca del tessuto perfetto.
Non è facile però trovarli dei tessuti belli qui in Marocco..
Se ti serve un lavandino di metallo ovale intarsiato a mano oppure una ciotola da insalata dipinta o ancora acqua di rose o olio di argan non hai che voltare lo sguardo e scegliere.
Ma trovare tessuti belli è assai più complicato.
Sopratutto se come me, li vuoi trasformare in divini cappottini, abiti, pijama pant.
Qui ci sono lane pesanti e rigate da freddi del deserto, ma ruvide e troppi maschili, oppure leggere stoffe tessute a telaio a mano ma con colori fin troppo sgargianti.
Però la cosa straordinaria è che sono quasi tutti a righe.
Righe leggere e sottili, da materasso, sfumate e colorate, a bastoncino o larghe come autostrade, ruvide e grezze o leggere e lucide.
Ma sempre righe.
Ed io volo.
Volo tra le righe, passione delle passioni.
Difficilissimo usarle ma bellissimo vederle.
E bellissimo è comprare una piccola mano di Fatima fuori dalla Medersa, parlare 2 ore di seguito col venditore di tessuti che me li mostra uno ad uno, con la delicatezza di chi li ama davvero, mangiare mandarini per strada, guardare dentro le moschee senza entrare perché sei donna e non musulmana, e camminare col sorriso interno che si allarga passo dopo passo traboccando dagli occhi.

(E poi però io alla fine i divini tessuti a righe li ho trovati e comprati...mai sia, che torno da un viaggio senza i tessuti perfetti per almeno una nuova R&R Limited Edition...)
-continua-



PHILOSOPHYvideosGALLERYDAILYNEWScontacts DIVINE SHOPAtelieREvents

© DIVINE ROSE SRL 2007-2018Policy Privacy
P.IVA 01175420254 CREDITS

© DIVINE ROSE SRL 2007-2018Policy Privacy P.IVA 01175420254 CREDITS